domenica 3 maggio 2015

Torta Vigoni

Mi sono resa conto di non aver ancora postato la ricetta del dolce simbolo della  città in cui vivo da ormai più di vent'anni.... la famosissima Torta Vigoni che nasce proprio qui a Pavia dalla passione e creatività del pasticcere Enrico Vigoni, che nel 1878 aprì la sua prima bottega,  dove ancora oggi si possono assaporare le sue creazioni.















Questa deliziosa torta gli fu commissionata dal Marchese Cusani Visconti ed il pasticcere riuscì a creare una torta speciale, friabile che  si conservava fresca e gustosa per parecchi giorni. La prima ad assaggiarla fu una nobildonna che la definì subito "torta del Paradiso" e quello divenne così il suo nome e segnò il successo di Vigoni.
Oggi  è resa celebre e conosciuta con il nome del suo creatore....la mitica appunto Torta Vigoni!


Ma ora passiamo alla ricetta.....non esiste una ricetta ufficiale e devo dire che non è stato facile trovarne una che si avvicinasse all'inconfondibile sapore della torta originale ma, grazie alla Signora   Giuseppina ,pavese doc, che ancora ringrazio, credo di essere riuscita a trovare la ricetta perfetta!


INGREDIENTI: stampo 26 diam.


260 gr fecola di patate
260 gr zucchero
225 gr burro a temperatura ambiente
7 uova ( 7 tuorli-5 albumi) a temperatura ambiente
1 bustina lievito
scorza limone
pizzico sale


Con un cucchiaio di legno lavorare a lungo il burro morbido con lo zucchero fino a renderlo una crema.







Aggiungete i primi 5 tuorli ed amalgamate bene.




Ora aggiungete la fecola con il lievito setacciati e i restanti due tuorli.





Montate a neve ben ferma 5 albumi con un pizzico di sale ed aggiungeteli delicatamente al composto, mescolando dal basso verso l'alto.





Trasferite in uno stampo rivestito di carta forno.



Cuocere in forno, pre-riscaldato 180°, per 40 minuti.



Sfornatela subito e ponetela a raffreddare.



Spolverizzate con abbondante zucchero a velo.






E prima di salutarvi vi regalo uno scorcio di questa nostra bella città....

il Ponte coperto sul Ticino

 Il Duomo 











Nessun commento:

Posta un commento