mercoledì 31 agosto 2016

Gallette del marinaio e Capponadda

Buongiorno carissimi amici,
passate bene le vacanze?....eh lo so che purtoppo sono già finite quasi per tutti ma il bello di essere andati in vacanza è che quando si torna si è più carichi, più ricchi e forti per affrontare tutto quello che ci aspetta al nostro ritorno!....io di queste vacanze passate a girare un pochino la nostra bella Italia sicuramente porto a casa un bel bagaglio fatto di posti , gente e sapori nuovi e cosi oggi voglio proprio presentarvi una ricetta che ho avuto modo di assaporare, durante la nostra prima tappa in Liguria,  precisamente a Ruta di Camogli un delizioso paesino appena sopra la città di Camogli, le gallette del marinaio il "pane " che i marinai si portavano sulle loro barche e che condivano con la  capponadda un piatto delizioso della tradizione ligure.






Ingredienti:

x 4 gallette:

250 gr di farina 00
12 gr di lievito di birra sciolto in mezzo bicchiere di acqua tiepida
1 bicchiere d'acqua tiepida
pizzico di zucchero
una presa di sale

capponadda:

150 gr tonno sott'olio
15/20 olive taggiasche denocciolate
1 cucchiaio di capperi sotto sale
pomodorini
bottarga di tonno
acciughe sott'olio

1 bicchiere di acqua e 1 di aceto bianco




Impastare la farina con il lievito sciolto in metà dell'acqua necessaria ; aggiungere il resto dell'acqua e  per ultimo il sale ed impastare fino  ad ottenere un impasto liscio ed elastico.
Coprire con un canovaccio e far riposare a temperatura ambiente per circa 30 minuti.




Formare delle piccole palline e stenderle con le mani, dello spessore di circa 1 cm.



Adagiarle su una teglia rivestita di carta forno e far lievitare per un'altra mezz'ora nel forno spento.
Trascorso il tempo di lievitazione, bucherellarle con la forchetta e cuocerle in forno caldo, 220° per 25 minuti.




Nel  frattempo preparare la capponadda mescolado i pomodorini a pezzi, le olive taggiasche denocciolate, i capperi dissalati,il tonno .




Sfomare e far raffreddare le gallette. Bagnarle ( o immergetele per qualche secondo se le preferite più morbide) con un'emulsione di acqua e aceto bianco.


Disponete la galletta nel piatto di portata, aggiungete la capponada , decorate con un acciuga sott'olio, un filo d'olio evo e una spolverata di bottarga





N.B. Potete conservare le gallette che vi avanzano in un contenitore di latta.


E con questo piatto la mia mente ritorna in qs splendidi posti che sono riuscita a visitare...

 Camogli

 Punta Chiappa

Ruta di Camogli

Nessun commento:

Posta un commento